Visitors Counter

028609
Oggi
Questo Mese
Totale
19
757
28609

16-12-2017

Unitre, Università della terza età, la storia


La creazione dell’Università della terza età, si deve al Prof. Pierre Vellas, docente dell’Università di Tolosa (Francia).

Egli sviluppa un programma che, oltre a garantire la prevenzione delle patologie e invalidità legate dell’anziano, affronta il rischio emarginazione e solitudine. Nel creare l’Università della Terza Età, Pierre Vellas ha rivoluzionato la mentalità che poneva l’anziano in una posizione di “ESCLUSO” da una vita socio-culturale in continua evoluzione ed ha saputo dargli una nuova identità, sia personale sia istituzionale, proponendo un progetto di vita attiva e la possibilità di giocare un ruolo partecipativo nella società. In Italia la prima Università della Terza Età nasce a Torino, città industriale per eccellenza, nel 1976 ed è un successo immediato. Le migliaia di lavoratori che in quegli anni affrontano in massa il problema del pensionamento, avvertono la necessità di ricercare un modo il più possibile attivo per utilizzare il tanto desiderato tempo libero e sono conquistati da questo nuovo modo si apprendere, da questa formazione continua. Dopo il successo della Sede di Torino, altre città piemontesi prima, ed altre regioni poi, chiedono di aderire all’Associazione Nazionale appositamente costituita. Oggi, 320 sedi operative sono presenti in tutta Italia. È tangibile la necessità di socializzazione, per evitare il più possibile l’isolamento che determina spesso un esercito di adulti opachi e privi di entusiasmo che, richiudendosi nel quotidiano, si precludono la curiosità di scoprire qualcosa di nuovo, in se stessi, negli altri e nel mondo.